Proverbi Napoletani – lettera N

Abbiamo  raccolto moltissimi  proverbi e detti napoletani. Qui te li proponiamo in dialetto con la traduzione.



Lettera N

Altri proverbi napoletani
A  B-C  D  E  F-G-H-I-J  L-M  N  O  P-Q-R  S  T  U-V-Z

  • N’ora de buon puorto fa scordare cient’anne de fortuna.
Un’ora di porto tranquillo fa dimenticare cento anni di fortuna avversa.
  • Na cosa è de parlà de morte e n’auta è a morì.
Una cosa è parlare di morte e un’altra morire.

Si può parlare di argomenti scabrosi con un atteggiamento di superiore distacco solo finché non se ne fa diretta e dolorosa esperienza.
  • Na noce dint’ ô sacco nun fa remmore.
Una sola noce nel sacco non fa rumore.

Da soli si ottiene poco, in molti molto.
  • Napulitane: larghe ‘e vocca e stritte ‘e mane.
Napoletani: larghi di bocca e stretti di mano.

I napoletani sono generosi soltanto a parole.
  • Nce capimme a sische, diceva ‘o merulo â mugliera.
Ci capiamo a fischi, diceva il merlo alla moglie.
  • Nce ponno cchiù ll’uocchie ca le scuppettate.
È più potente il malocchio che le fucilate.
  • Nce vo’ pacienza a magna’ le carcioffole.
    Ci vuole pazienza per mangiare i carciofi.

    Ottenere ciò che è piacevole richiede impegno, pazienza e tenacia.
  • Ncoppa a lo tuorto chieja le spalle.
Se hai (sopra il) torto piega le spalle.

Se hai torto riconoscilo umilmente.
  • Nè amicizia reconciliata, né menestra scarfata, né vajassa retornata.
Né amicizia riconciliata, né minestra riscaldata, né serva ritornata.

Perché non più buone ed affidabili come un tempo.
  • Né femmena, né tela, a lumme de cannela.
Né donna né tela a lume di candela.

Prima di scegliere apri bene gli occhi, non lasciarti persuadere solo da un’apparenza piacevole.
  • Né pane senza pena, né carne senz’uosso, né vino senza feccia
Né pane senza pena (faticoso lavoro), né carne senza osso, né vino senza feccia.

Nulla si ottiene senza sopportare anche difficoltà, inconvenienti.
  • Né tanto doce, ch’ogn’uno te zuca, né tanto amaro, ch’ognuno te sputa.
Né tanto dolce, che ognuno ti succhia, né tanto amaro, che ognuno ti sputa.

Né troppo buoni per non essere sfruttati, né tanto cattivi da essere evitati da tutti.
  • Nic-nic p’a canna jètt’ô ‘Nfierno
Nic-nic per la gola andò all’Inferno.
  • Nisciuno è nato ‘mparato.
Nessuno è nato istruito, saggio, esperto.

Nisciuno è nato mparato: tutto chello ca sapimmo ce l’avimmo mparato. Nuie nun dicimmo niente ca nun è stato già ritto e, si ricimmo coccosa ‘e inteliggente, ce l’anno mparato ll’uommene inteliggente. Nessuno è nato sapiente: tutto quello che sappiamo l’abbiamo imparato. Noi non diciamo niente che non sia stato già detto e, se diciamo qualcosa di intelligente, ce l’hanno insegnato gli uomini intelligenti.
oppure

È inevitabile commettere errori, si impara con l’esperienza.
  • No nc’è miseria senza vizio.
Non c’è miseria senza vizio.

I vizi riducono in miseria.
  • No sputare ncielo, ca nfaccia te torna.
Non sputare in cielo, che in faccia ti torna.

Non offendere persone o cose degne di rispetto, di venerazione, perché l’onta e la punizione ricadranno su di te.
  • Non carrecà troppo l’arcabuscio, ca schiatta.
Non mangiare troppo, perché scoppierai.
oppure:
Non annoiare, non insistere oltremodo, perché nessuno vorrà più ascoltarti.
oppure:
Non esagerare con le provocazioni, perché reagirò con durezza.
  • Non c’è cchiù mmeglio misso ca te stisso.
Non c’è miglior messo che te stesso.
  • Non chello ca te sàtura, ma chello ca t’onora!
Non (cercare) quello che ti sazia (arricchisce), ma quello che ti onora!
  • Non dicere, quanto saje; non fare, quanto puje; nun te magna’, quant’haje.
Non dire quanto sai; non fare quanto puoi, non mangiarti quanto possiedi.

Misura: nel parlare, sempre con riservatezza e discrezione; nel fare, per non correre il rischio di essere sfruttati; nelle spese, per non restare sprovvisti in caso di necessità.
  • Nu’ chiammà triste, ca pejo te vene! decette ‘a vecchia a Nerone.
Non lamentarti per le avversità, perché ti verrà (accadrà di) peggio! disse la vecchia a Nerone.
  • Nun pazziàmmo a ffà male, alluccàva ‘o sorece ‘mmiez’ ‘e cianfe d’ ‘a jàtta.
Non giochiamo a far male, gridava il topo fra le grinfie della gatta.

Ultime parole di uno sventurato topo: esprimere un desiderio sapendo con certezza che non verrà mai esaudito.
  • Non po’ lo cravonaro fare che non ce tegna.
Non può il carbonaio fare in modo che non ci macchi (tinga).

Non si possono frequentare persone disoneste senza subirne l’influenza.
  • Non puje dicere a sto surco nce voglio passà.
Non puoi dire: per questo solco non ci voglio passare.

Non si può mai escludere di dovere per necessità superare la propria riluttanza a fare qualcosa o accettare l’aiuto della persona da cui meno giunge gradito.
  • Nu’ te piglià collera, ca ‘o zuccaro va caro.
Non arrabbiarti, non amareggiarti perché lo zucchero costa molto.
  • Nun aprì ll’uocchie a li gattille.
Non aprire gli occhi ai gattini.

Non ti conviene scaltrire gli ingenui.
  • Nun c’è dièbbeto che nun se pava, nun c’è peccato che nun se chiàgne.
Non c’è debito che non si paghi, non c’è peccato che non si pianga.
  • Nun c’è sabbato senza sole, nun c’è femmena senz’ammore.
Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.
  • Nun ghi’ a spugliarte arret’a lanterna ca ‘o meglio amico tuje t’arrobba ‘e panne.
Non andare a spogliarti dietro al faro, perché il miglior amico tuo ti ruba i vestiti.

Ci sono cose che bisogna custodire con il riserbo più assoluto; non tutto può essere rivelato, neppure al migliore amico.
  • Nun perde ‘o cereviello chi nun ‘o tene!
Non perde il cervello (impazzisce) chi non ce l’ha!
  • Nun purta’ serenata a ‘a casa d’ ‘e sunature.
Non portar serenate in casa dei suonatori.

Non può riuscirti di mettere nel sacco chi di imbrogli vive.
  • Nun se pò avere grieco, e cappuccio.
Non si può avere buon vino, e cappuccio.

Non si può essere virtuosi e darsi ai piaceri.
  • Nun se po’ vennegnare e ppiglià le ffescene.
Non si può (prima) vendemmiare e (poi) prendere i cesti.

È assurdo aspettarsi un risultato valido, agendo in modo illogico.
  • Nun te mettere ntra la ‘ncunia e lo martiello.
Non metterti tra l’incudine e il martello (fra due litiganti).
  • Nun vaga scauzo chi semmena spine.
Non vada scalzo chi semina spine.

Il male finisce col ritorcersi su chi lo fa.
  • Nun vàlene tanta sunate ‘i campane, quant’a na bona calata ‘i sole!
Non valgono tanti rintocchi a distesa di campane, quanto un buon tramonto!


Non è conta tanto aver vissuto una vita colma di successi e di onori, più importante è morire onoratamente.

fonte: it.wikiquote.org

Altri proverbi napoletani
A  B-C  D  E  F-G-H-I-J  L-M  N  O  P-Q-R  S  T  U-V-Z



Potrebbe interessarti anche

Proverbi antichi

Abbiamo raccolto moltissimi detti e  proverbi antichi. Lettera A A buon intenditor, poche parole. A carnevale ogni scherzo vale. A ...
Leggi Tutto

Proverbi napoletani (con traduzione)

Abbiamo  raccolto moltissimi  proverbi e detti napoletani. Qui te li proponiamo in dialetto con la traduzione. Puoi anche cercarli per ...
Leggi Tutto

Proverbi sull’amore

Detti, proverbi, massime e modi di dire sull'amore  Al cuore non si comanda.  All'amore a prima vista spesso serve l'oculista ...
Leggi Tutto

Detti e proverbi divertenti

Raccolta di detti e modi di dire divertenti. Proverbi divertenti Ecco una selezione di detti, proverbi e modi di dire ...
Leggi Tutto

Proverbi e detti pugliesi

Raccolta di detti e proverbi popolari pugliesi. Proverbi baresi, proverbi leccesi, proverbi foggiani, proverbi brindisini, proverbi tarantini. ____ O mègghie ...
Leggi Tutto

Proverbi della Bibbia

Raccolta di proverbi biblici Il libro dei proverbi della Bibbia è stato scritto dal re Salomone, figlio di Davide. In ...
Leggi Tutto

Proverbi latini

Proverbi e detti latini Amantis ius iurandum poenam non habet. (Il giuramento dell’innamorato non si può punire) Amor tussique non ...
Leggi Tutto

Proverbi cinesi

Detti e proverbi cinesi. Modi di dire provenienti dalla saggezza popolare cinese. A essere giovani s’impara da vecchi. A molti ...
Leggi Tutto

Detti italiani popolari

Una raccolta di detti antichi, detti popolari e modi di dire italiani A buon intenditor, poche parole. A carnevale ogni ...
Leggi Tutto

Proverbi e detti siciliani

Una raccolta di proverbi, detti e modi di dire siciliani Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia ...
Leggi Tutto
Condividi