Proverbi Napoletani – lettera D

Abbiamo  raccolto moltissimi  proverbi e detti napoletani. Qui te li proponiamo in dialetto con la traduzione.



Lettera D

Altri proverbi napoletani
A  B-C  E  F-G-H-I-J  L-M  N  O  P-Q-R  S  T  U-V-Z

  • D’ ‘o denaro d’ ‘o carucchiaro se ne vede bbene ‘u sciampagnone.
Del denaro dell’avaro gode lo scialacquatore.
  • Da cà a dimane nasceno ciente pape.
Da qui a domani nascono cento papi.

Non fermarti al presente, la vita è mutevole e bisogna essere sempre aperti alle possibilità che offre.
oppure

Da ora a domani abbiamo tutto il tempo che ci occorre per quello che dobbiamo fare.
  • Da do viene? Porto cepolle; che puorte? Vengo da Arzano.
Da dove vieni? Porto cipolle; che porti? Vengo da Arzano.

Detto come replica a chi, alla domanda che è stata fatta, dà risposte non attinenti per sviare il discorso.
  • Da la mattina se conosce lo male juorno.
Il cattivo giorno si conosce dal mattino.

Il principio, l’inizio fa presagire il seguito e l’esito.
  • Da no malo pavatore scippa chello che può.
Da un cattivo pagatore porta via (strappa) quello che puoi.
  • De chello che bide poco nne cride.
E chello ca vide poco ne cride: credi poco a quello che vedi. Dubita sempre dei tuoi stessi occhi, le apparenze ingannano.
  • De chello che siente non credere niente.
E chello ca siente nun credere niente.: di quel che senti non credere niente.
  • Democrazie: diece fessi vàlene chiù i nove reritte!
Democrazia: dieci fessi valgono più di nove intelligenti!
  • Designo de poverommo maje non riesce.
Il progetto del poveruomo non va mai a buon fine.
  • Dice ‘o tiempo all’uommene: tengo fretta, me ne vaco.
Il tempo dice agli uomini: ho fretta, me ne vado.

Il tempo passa via rapido senza curarsi di noi, senza aspettarci.
  • Dicette ‘a figliola… quann”o verètte: Uhè, che bellu capitone senza rècchie!
Disse la ragazza… quando lo vide: Ehi, che bel capitone senza orecchie!

Innocenza assoluta, senza ombra di malizia… possibile, dobbiamo credere, in tempi assai lontani.
  • Dicette ‘a monaca ‘e Sant’Anna: ‘a copp’ ‘e panne nun fa danno. Ricette ‘a monaca ‘e Santa Rosa: ‘a sott’ ‘e panne fa quaccòsa!
Disse la suora di Sant’Anna: sopra le vesti non fa danno. Disse (rispose) la monaca di Santa Rosa: sotto le vesti fa qualcosa!

Immaginaria disputa fra due religiose sulla liceità e sull’efficacia della… “manomorta”.
  • Dicètte ‘a mosca ‘ncapo ô vòje: Aràmmo!
Disse la mosca sulla testa del bue: Ariamo!

Un geniale scansafatiche che con un brillante sofisma dà ad intendere di essere pronto ai lavori più impegnativi che però si guarda bene anche solo dal cominciare.
  • Dicètte Dio ‘nfaccia a Dio: Lassa fa’ a Dio!
Disse Dio rivolto (in faccia) a Dio: Lascia fare a Dio!

Dio stesso si affida interamente alla volontà di Dio.

Il paradosso si ridimensiona se si tiene conto del dogma della Trinità a cui questo proverbio sembra fare riferimento.
  • Dicette fra’ Lorenzo: nun pazziammo cu’ ‘a sussistenze.
Disse Frate Lorenzo: (scherziamo su tutto, ma) non scherziamo con il cibo.
  • Dicette ‘na vecchia arraggiata: vierno fernesce ‘a Nunziata. Ma risponne ‘nu viecchio: cu’ ‘e ceremonie.[210]
Disse un’anziana arrabbiata: l’inverno finisce alla festa dell’Annunziata. Ma risponde un vecchio: con le cerimonie.”

Anche il tramonto può avere il suo splendore: una, più “feste” di addio al tempo felice, alla… lunga dorata stagione che per l’anziana donna si conclude con tanta amarezza all’Annunziata: è la proposta un uomo anziano, saggio e ancora “vivace” abbastanza da celebrare, prima che la notte cada, alcune cerimonie… di congedo dalla bella stagione che volge al termine.
  • Dicette ‘o pappavallo: chi vo’ campà felice vere ‘o stuorto e nun adda ricere.
Disse il pappagallo: chi vuole vivere felice vede ciò che va male e non lo deve dire.

Meglio far finta di non accorgersi di quello che non va se si vuol vivere felici.
  • Dicette ‘o pappice â noce: Damme tiempo ca te spertoso.
Disse il tonchio alla noce: dammi tempo che ti buco.
  • Dicette ‘o scarrafone: po chiovere ‘nostra: chiù niro ‘e chello ca songo nun pozzo addiventà.
Disse lo scarafaggio: può anche piovere inchiostro: più nero di quello che sono non posso diventare.

Le cose non possono andar peggio di così.
  • Dicette Pulicenella: Tanno voglio muri’, quanno tre rilorge vann’eguale.
Disse Pulcinella: Voglio morire quando tre orologi segneranno la stessa ora.

Con questa “scommessa” Pulcinella esprime il suo amore per la vita e augura a sé stesso di vivere a lungo.
  • Dicette ‘u riccio ‘a serpa doppo ch’era trasuto dint’ ‘u nido: mo ca staje astrinto, jesce fora.
Disse il riccio al serpente dopo che era entrato nel suo covo: ora che stai stretto, esci fuori.

Meglio non fidarsi di chi ci spinge ad abbandonare ogni prudenza.
  • Diceva ‘a bonànema ‘e vavélla ca quanno ‘na figliola zetella more va ‘mparaviso e addeventa ‘na rosa. ‘Nu iuorno ‘o ciardiniere San Calisto p”o nomme ‘e Cristo ‘nu mazzetiello ‘e ròse aveva ‘a fà’: mbè, chillu puveriéllo giraie tutt”o ciardino ‘e Cristo e ‘na rusélla nun ‘a putette truvà’!
Diceva la buonanima della cara ava che quando una giovane non ancora sposata muore va in paradiso e diventa una rosa. Un giorno il giardiniere San Callisto doveva cogliere nel giorno della festività di Cristo un mazzolino di rose: ebbene, quel poveretto fece il giro di tutto il giardino di Cristo e non riuscì a trovare neppure una rosellina.’

Non c’è donna che muoia vergine: né una rosa (una giovane vergine), né una rosellina (una giovanissima vergine).
  • Dio è lungariéllo, ma nun è scurdariéllo.
Dio è lento ad intervenire, ma non è smemorato.
  • Dio m’arrassa da invidia canina da mali vicini, et da bugia d’homo da bene.
Dio mi tenga lontano da invidia canina da cattivi vicini e da bugia di uomo perbene.

Si tramanda che per volontà testamentaria di un ricco cittadino condannato a morte per omicidio sulla base di false testimonianze, queste parole furono incise su una lapide da collocare in perpetuo sulla facciata dell’Ospedale della Pace cui il condannato lasciò in eredità i suoi beni, aggiungendo la condizione che se la lapide fosse stata rimossa, l’eredità sarebbe passata all’Ospedale degli Incurabili. 
  • Dio te guarde de povere arreccute, de ricche mpezzentute.
Dio ti guardi da povero arricchito, da ricco caduto in miseria.

variante:

  • Dio te guarda de ricco ‘mpoveruto, et de pezzente, quanno e rresagliuto.
Dio ti guardi da ricco caduto in miseria e da pezzente quando si è arricchito. (è risalito).
  • Disse Masto Nicola, tutta la ruggia nne porta la mola
Disse Mastro Nicola, tutta la ruggine porta via la mola.

Col tempo e la disciplina tutto si corregge.
  • Doje femmene e ‘na papara faceno ‘no mercato.
Due donne e un’oca fanno un mercato.

Due donne appena ed un’oca bastano per fare un chiasso paragonabile a quello un mercato.
  • Don Rafè, vuje cu’ ‘a sicarrètta e io cu’ ‘o muzzone, cacciammo ‘o stesso fummo.
Don Raffaele, voi con la sigaretta e io col mozzicone facciamo (tiriamo fuori) lo stesso fumo.

Quel che conta è il risultato, che si può ottenere anche con mezzi modesti e perciò con maggior merito.

Non importa che sia un gatto bianco o un gatto nero, finché cattura topi è un buon gatto.
  • Dòpp ‘a strazzióne ògne ffésso è prufessóre.
Dopo l’estrazione ogni fesso è professore.
  • Doppo muorto non nce sta chiù che sperare.
Dopo la morte non c’è più che sperare.
  • Duje guste ha chi se nzora, l’uno la primma notte, che la mogliere afferra, l’autro quando l’atterra.
Due piaceri ha chi si sposa, uno la prima notte che possiede la moglie, l’altro quando la seppellisce.

fonte: it.wikiquote.org


Altri proverbi napoletani
A  B-C  E  F-G-H-I-J  L-M  N  O  P-Q-R  S  T  U-V-Z



Potrebbe interessarti anche

Proverbi antichi

Abbiamo raccolto moltissimi detti e  proverbi antichi. Lettera A A buon intenditor, poche parole. A carnevale ogni scherzo vale. A ...
Leggi Tutto

Proverbi napoletani (con traduzione)

Abbiamo  raccolto moltissimi  proverbi e detti napoletani. Qui te li proponiamo in dialetto con la traduzione. Puoi anche cercarli per ...
Leggi Tutto

Proverbi sull’amore

Detti, proverbi, massime e modi di dire sull'amore  Al cuore non si comanda.  All'amore a prima vista spesso serve l'oculista ...
Leggi Tutto

Detti e proverbi divertenti

Raccolta di detti e modi di dire divertenti. Proverbi divertenti Ecco una selezione di detti, proverbi e modi di dire ...
Leggi Tutto

Proverbi e detti pugliesi

Raccolta di detti e proverbi popolari pugliesi. Proverbi baresi, proverbi leccesi, proverbi foggiani, proverbi brindisini, proverbi tarantini. ____ O mègghie ...
Leggi Tutto

Proverbi della Bibbia

Raccolta di proverbi biblici Il libro dei proverbi della Bibbia è stato scritto dal re Salomone, figlio di Davide. In ...
Leggi Tutto

Proverbi latini

Proverbi e detti latini Amantis ius iurandum poenam non habet. (Il giuramento dell’innamorato non si può punire) Amor tussique non ...
Leggi Tutto

Proverbi cinesi

Detti e proverbi cinesi. Modi di dire provenienti dalla saggezza popolare cinese. A essere giovani s’impara da vecchi. A molti ...
Leggi Tutto

Detti italiani popolari

Una raccolta di detti antichi, detti popolari e modi di dire italiani A buon intenditor, poche parole. A carnevale ogni ...
Leggi Tutto

Proverbi e detti siciliani

Una raccolta di proverbi, detti e modi di dire siciliani Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia ...
Leggi Tutto
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •