Differenza tra vetro e cristallo


Molto spesso si usano i termini vetro e cristallo per indicare le stesse cose; in realtà tra vetro e cristallo c’è molta differenza.

Il cristallo è un particolare tipo di vetro apprezzato da sempre per le sue caratteristiche di trasparenza e di lucentezza.
Ciò che contraddistingue i due prodotti è la composizione, ovvero le materie prime che li compongono:
– per il vetro, principalmente sabbia silicea (ovvero SiO2);
– per il cristallo, il piombo, in aggiunta alle materie prime utilizzate per il vetro. Non a caso il cristallo viene anche chiamato “vetro al piombo“.

La presenza di piombo rende il cristallo più brillante del vetro e per questo più adatto alla produzione di manufatti come bicchieri, bottiglie e oggetti simili.

Il fatto che abbia un’alta concentrazione di piombo lo rende non compatibile con il riciclo del normale vetro.
Infatti, la diversa composizione chimica dei due prodotti ne cambia, oltre che l’aspetto, anche il punto di fusione, molto più alto nel cristallo, e questo è il motivo per cui non si deve gettare il cristallo nei contenitori del vetro, ma nell’indifferenziata.

Come distinguere i bicchieri di vetro dai bicchieri di cristallo?
Il cristallo non ha un codice del riciclo identificativo come il vetro. E’ però possibile che l’oggetto in cristallo abbia un bollino che ne indica la composizione in modo da permetterne il riconoscimento.

0 0 vote
Article Rating
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
, , ,
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments