Differenza tra salsiccia e salamella


Salsiccia e salamella sono due insaccati. In cosa consiste la differenza?

Per comprendere cosa distingue queste due tipologie di prodotti bisogna innanzitutto chiarire il significato di salsiccia.
Questo termine, infatti, a seconda della regione può assumere una differente connotazione: in alcune regioni è un insaccato fresco a base di care di suini, di tacchino o di pollo, preparato con aggiunta di aromi e che va consumato previa cottura.
In altre regioni lo stesso tipo di prodotto viene chiamato luganega.

salsiccia cruda
salsiccia fresca o luganega

In altre regioni, però, con lo steso termine “salsiccia” si indica il salame, ovvero un insaccato stagionato.

salsiccia stagionata
salsiccia stagionata ovvero salame

Ecco quindi che diventa importante capire se, quando diciamo salsiccia, ci stiamo riferendo alla salsiccia fresca o al salame.
Per comodità di esposizione chiameremo la salsiccia stagionata “salame” e quella fresca semplicemente “salsiccia”.

Cos’è la salamella?

La salamella è una salsiccia fresca, prodotta dalla pancetta e dalla spalla del suino che viene tritata grossolanamente con l’aggiunta di sale e aromi e che va consumata previa cottura.

salamella

Differenza tra salsiccia e salamella

A questo punto viene spontaneo chiedersi: quale è a differenza tra la salsiccia fresca (o luganega) e la salamella visto che entrambi sono insaccati freschi che vanno consumati previa cottura?

La differenza sta nella macinatura della carne (più grossolana nella salamella) e nell’aggiunta di acqua all’impasto (anziché vino come avviene per le salsicce).

La salsiccia luganega, inoltre, è più sottile e può essere insaporita con finocchio, pomodoro, mozzarella, ecc.
A differenza della salamella che si prepara solo con carne di suino, la salsiccia può essere anche di pollo, di taccino o mista.

Differenza tra luganega, salamella e salame

Adesso che abbiamo compreso la differenza tra salsiccia (luganega) e salamella è facile comprendere che il salame è un insaccato stagionato che si consuma crudo.
Anch’esso si prepara con carne di suino addizionata con spezie e aromi, solo che la carne, una volta inserita nel budello, viene lasciata stagionare a temperatura ed umidità controllate.

Leggi anche

>> Differenza tra zampone e cotechino
>> Differenza tra abbacchio e agnello
>> Differenza tra totano e calamaro

Tutte le differenze dalla A alla Z

0 0 votes
Article Rating
Condividi
, ,
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments