Differenza tra integrazione e inclusione in ambito scolastico


Per dirla in termini riduttivi l’integrazione  è  una situazione mentre l’inclusione è  un processo.

Ciò che li differenzia in dettaglio è che l’integrazione riguarda esclusivamente il singolo, intervenendo prima sul soggetto diversamente abile e poi sul contesto.
L’inclusione, invece, si riferisce alla globalità delle sfere educativa, sociale e politica e per questo, guarda a tutti gli alunni e a tutte le loro potenzialità. 
Quindi interviene prima sul contesto, poi sul soggetto. 

L’inclusione, pur essendo sensibile alle diversità individuali, riguarda la comunità nel suo complesso e ha come obiettivo la rimozione di tutte le barriere sociali, economiche e politiche che ostacolano il processo di apprendimento di tutti gli alunni.

L’integrazione invece, pur rivolgendosi in particolare a coloro che presentano un deficit riconosciuto, comporta un cambiamento dal punto di vista istituzionale, organizzativo, culturale che va a beneficio non solo di coloro che presentano bisogni educativi speciali, ma di tutti, producendo una crescita civile e sociale dell’intera comunità. 
L’ottica comune è quella di elaborare un progetto di organizzazione scolastica che si pone al servizio dell’apprendimento di tutti, pur rispettando le differenze individuali, mediante la personalizzazione dei percorsi formativi. 

Fonte: http://omeka.scedu.unibo.it/
https://pedagogiainmovimento.wordpress.com/

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
, , ,

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami