Differenza tra efficacia e efficienza

E’ comune vedere, soprattutto in ambito commerciale, come i termini efficace ed efficiente vengano utilizzati come sinonimi; in realtà esiste una notevole differenza tra efficacia ed efficienza.

Differenza tra efficacia ed efficienza

Per comprendere la differenza tra i due termini farò un esempio facilmente comprensibile.
Prendiamo ad esempio una azienda. Sia efficace che efficiente si riferiscono al raggiungimento degli obiettivi; la differenza tra efficacia ed efficienza si basa però sul modo in cui questo obiettivo è stato raggiunto.

In questo senso, possiamo dire che una persona è efficace quando riesce a raggiungere un obiettivo nel tempo stabilito; sarà invece efficiente se raggiungerà l’obiettivo utilizzando le risorse meno possibili.

L’efficacia si riferisce quindi alla “capacità di raggiungere l’obiettivo stabilito”, mentre l’efficienza è la “capacità di raggiungere il medesimo obiettivo con il minor sforzo possibile”.

Possiamo ad esempio dire che tra due venditori che lavorano per la medesima azienda e che hanno raggiunto lo stesso fatturato, uno dei due è stato più efficiente poichè ha raggiunto l’obiettivo in minor tempo, o che nello stesso arco di tempo ha raggiunto un fatturato più alto.

Come calcolare efficacia ed efficienza

A causa della differenza tra efficacia ed efficienza, la metodologia per determinare l’una o l’altra non è la stessa
In questo senso, le formule matematiche per il calcolo di questi indicatori sono le seguenti:

  • Efficacia = (risultato raggiunto * 100) / risultato atteso
    La cifra sarà in qualche modo percentuale e, applicando una tabella percentile, possiamo quantificare l’efficacia numericamente. Ad esempio, dall’1 al 10% assegnerà un punteggio di 1 o molto inefficiente, mentre dal 90 al 100% fornirà un 10 o altamente efficace.
  • Efficienza = ((Risultato raggiunto / costo effettivo) * Tempo trascorso) / ((Risultato atteso / costo atteso) * Tempo previsto) . Il calcolo dell’efficienza fornirà un numero che, anche soggetto a una scala di valore, ci permetterà di determinare il grado di efficienza: se il risultato è inferiore a 1 parleremo di inefficienza e viceversa.

In cerca di equilibrio

Data questa differenza tra efficacia ed efficienza, è importante considerare quale è la priorità dell’azienda: raggiungere gli obiettivi di vendita o utilizzare meno risorse?

In questo senso, la chiave è trovare l’equilibrio tra i due parametri, che si traduce in un terzo concetto, la produttività, che non è altro che una soluzione ponderata tra il raggiungimento degli obiettivi stabiliti con una spesa adeguata.

Per scoprire se siamo stati produttivi, possiamo usare il seguente calcolo matematico:

Produttività = ((valore di efficienza + valore di efficacia) / 2)) / punteggio massimo

0 0 vote
Article Rating
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
, ,
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments