Differenza tra brut, dry e extra dry


Ti è mai capitato, prima di acquistare una bottiglia di bollicine, di chiederti quale è la differenza tra Brut, Dry ed Extra dry?
Questo articolo ti aiuterà ad avere le idee più chiare in quanto la differenza tra le 3 tipologie è davvero semplice e riguarda la percentuale di zucchero presente in ciascun vino.

Conoscere la quantità di zucchero è importante in quanto ci dice quando e come va consumato ciascun vino.

Prosecco Brut

Partendo dal Brut, questo è il vino che contiene meno zucchero, ovvero massimo 12 grammi per litro.
Avendo un sapore corposo e leggermente fruttato si adatta molto bene per accompagnare un pasto. In particolar modo è ideale con gli antipasti, i primi di pasta o riso, i risotti, il pesce, le carni bianche e i formaggi freschi o poco stagionati.

Prosecco Dry

Il Prosecco Dry è tra tutti quello con il residuo zuccherino più alto, ovvero tra i 17 e i 32 gr. per litro.
Pur contenendo una quantità di zucchero fino a re volte maggiore rispetto ad un vino Brut, è ottimo per accompagnare i frutti di mare e la frutta in genere.

Prosecco Extra Dry

Il prosecco Extradry, a discapito del nome ingannevole, ha una quantità di zucchero che varia tra i 12 e i 17 grammi per litro, quindi si pone tra il Brut ed il Dry.
Grazie al suo sapore morbido è ideale per accompagnare un aperitivo e tutte le carni bianche in genere.

Se guardiamo alla tendenza degli ultimi anni, i vini dolci – ritenuti troppo delicati e femminili – stanno lasciando il posto a quelli secchi, più apprezzati perchè permettono di esaltare il sapore dei cibi anzichè coprirli.

Guarda anche

0 0 votes
Article Rating
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
, , ,
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments