7 domande che Google non fa più ai colloqui perché troppo difficili

Tutti coloro che sono stati chiamati da Google per un colloquio di lavoro probabilmente non avranno dormito per intere notti pur di prepararsi. Ma forse non erano preparati a ciò che li aspettava: 140 quesiti quasi impossibili da risolvere, tant’è che hanno dovuto sostituirli con altri più semplici.
Noi te ne proponiamo 7, prova a rispondere.

  1. Quanto ti faresti pagare per pulire tutte le finestre di Saettle?
REUTERS/Kevin P. Casey

 

2. Perchè i tombini sono rotondi?

Martin Cooper/flickr

 

3. Quanti pianisti ci sono nel mondo?

REUTERS/Carlo Allegri

 

4. Un uomo spinge la sua auto in un hotel. All’improvviso perde tutti i suoi averi: cosa è successo?

Flickr/Alan Light

 

5. Quanti aspirapolvere sono prodotti ogni anno negli Stati Uniti?

REUTERS/Leonhard Foeger

 

6. Quante palline da golf entrano in uno scuolabus?

WikiMedia Commons

 

7. Spiega a tuo nipote di 8 anni cos’è un database con tre frasi.

Getty Images

Pronti per le soluzioni? Eccole:


1. Per rispondere a questa domanda la cosa migliore è avanzare una cifra precisa che indichi il costo del servizio per ciascuna finestra (es. 10€ a finestra). Provare a sparare numeri vi farebbe solo fare brutta figura in quanto si tratta di una domanda a cui dare una risposta precisa è molto difficile.

2. Se la copertura del tombino fosse di forma quadrata e venisse posizionata male potrebbe cadere. Con una forma circolare questo non può avvenire. La persona in questione è nata nel 2005 a.C., quindi, contando al contrario, nel 1995 a.C. avrà proprio 10 anni e nel 1990 ne avrà 15.

3. Per rispondere a questa domanda si può considerare quanto persone conosci personalmente che suonano il piano e quante sono il totale le persone che potresti conoscere. A questo punto calcola una percentuale, poi applicala a tutti gli abitanti della terra.

4. Stavi giocando a Monopoli e sei finito su albergo appartenente a un altro giocatore: hai dovuto pagare la rendita e sei finito sul lastrico.

5. Si può rispondere a questa domanda ipotizzando un numero che probabilmente è di diverse centinaia di migliaia.

6. Nessuno lo sa, certamente neppure gli esaminatori. Tuttavia si deve rispondere cone un numero verosimile, quindi non 100 o 1000, perchè certamente ce ne entrano molte migliaia.

7. “Un database è come una stanza in cui vengono conservate tantissime informazioni. Quando ne hai bisogno vi entri e prendi quello che ti serve. Si può entrare anche dal telefonino e dal tablet”.

 

Condividi
, , ,

Lascia una recensione

Commenta per primo!

avatar
  Subscribe  
Notificami