Come aprire un negozio di animali

Se ami gli animali, un negozio di animali potrebbe essere la risposta che stavi cercando.

Negli ultimi anni abbiamo assistito alla crescita di un vivo sentimento animalista e questo significa che oggi, rispetto a ieri, sono molte di più le persone che si prendono cura di uno o più animali domestici e le persone disposte a spendere per nutrire, coccolare, e viziare i propri “amici”.

Cosa occorre per aprire un negozio di animali.

Per la parte burocratica ti rimandiamo all’articolo come aprire un negozio. L’unica differenza è che occorre anche l’autorizzazione del servizio veterinario pubblico, che valuterà se tutto è in regola.
Per la parte logistica, invece, occorre innanzitutto trovare un locale adatto.

Non si tratta di una scelta univoca perché bisogna prima stabilire cosa vendere:

  1. solo cibo, mangimi e accessori (come collari e guinzagli, vestitini, gabbie, accessori per gabbie, ciotole, lettiere, trasportini, ecc.);
  2. oppure quello che è indicato al punto 1 ed in più gli animali. In questo caso è ovvio che il locale dovrà necessariamente essere più grande, dotato di climatizzazione oltre che di una zona servizi dove poter lavare le ciotole e le gabbie durante la pulizia quotidiana;
  3. tutto ciò che è indicato ai punti 1 e 2 ed in più offrire un servizio di toelettatura. In questo caso la superficie necessaria sarà ancora maggiore. Se la disponibilità economica non è un problema, allora offrire di più vuol dire certamente avere una marcia in più rispetto alla concorrenza.

Poi ti occorre trovare tutta la merce, animali inclusi (anche se non è bello chiamarli merce).
Valuta la qualità dei prodotti ed i feedback delle aziende da cui intendi rifornirti. Se più caro significa “migliore” allora punta alla qualità.
Per quanto riguarda gli animali, rivolgiti ad allevatori nazionali autorizzati. Purtroppo non è infrequente il caso di negozianti che per risparmiare acquistano animali di pochi giorni in paesi stranieri, alimentando un mercato che sottopone questi poveri animali a viaggi estenuanti e molto spesso fatali per loro. E questo solo per risparmiare!!
Ma tu non sei tra questi mi auguro!!

Se possibile, cerca un locale in prossimità di un parco frequentato dai residenti e dai loro amici a quattro zampe, oppure in prossimità di un centro commerciale o di una zona di passeggio.

Da ultimo, devi farti conoscere:
– crea una pagina del tuo nuovo negozio sui social media;
– inserisci degli annunci online;
– metti annunci nei gruppi;
– fai volantini.


Quanto costa aprire un negozio di animali

Alla luce di quanto abbiamo detto, il costo totale può variare parecchio in funzione della grandezza del locale, delle attrezzature presenti all’interno e della presenza o meno di animali in vendita. E naturalmente cani, gatti e canarini possono costare molto meno di animali esotici e tropicali.
Per questo è difficile fornire una stima precisa ma diciamo che possono essere necessari non meno di 10 mila euro aprendo un negozio di soli mangimi e accessori (facendo tutto in economia), fino a superare i 60-70 mila euro nel caso di un negozio grande, con la vendita di animali ed il servizio di toelettatura.

toelettatura cane

Per concludere

Se gli animali sono la tua passione, allora vale la pena stilare un budget per vedere se questa attività è alla tua portata. Se ci sai fare con i clienti e riesci a fidelizzare con loro non è difficile che il ritorno dell’investimento avvenga in meno di 5 anni.
Un ultimo consiglio: contatta un veterinario nella tua zona e concorda una forma di pubblicità reciproca; magari uno sconto sulle visite per i clienti mandati da te ed uno sconto nel tuo negozio per i clienti che ti manda lui.

Condividi
,