Come mettersi in proprio: la guida definiva

Forse sei annoiato con il tuo lavoro di tutti i giorni e stai pensando di diventare un libero professionista; forse ti piace l’idea di essere il tuo capo, o forse hai solo bisogno di più flessibilità nel lavoro.
Qualunque sia la motivazione, metterti in proprio potrebbe essere la scelta perfetta per te.

Quando sei un libero professionista, tutto dipende da te.
Puoi scegliere di lavorare comodamente da casa, dal tuo bar preferito o da uno ufficio condiviso. Se sei un tipo avventuroso, puoi persino essere un nomade digitale, viaggiando per il mondo con il tuo fidato laptop.
Puoi lavorare per più clienti alla volta oppure trovare un cliente affidabile in grado di fornirti un reddito regolare. Puoi fare le tue 6-8 ore svegliandoti alle 7 del mattino come il resto del mondo, oppure dormire fino a mezzogiorno e svolgere il tuo lavoro durante la notte.
Insomma sei veramente libero.

La cosa più importante è determinare cosa funzionerà meglio per te e trovare il tuo modo di farlo con successo. Perché in fin dei conti è tutto ciò che riguarda ogni libero professionista: trovare la propria strada.

Con tutte le possibilità e le “offerte” che puoi trovare là fuori, se sei appena agli inizi della tua carriera freelance, le cose possono sembrare abbastanza travolgenti. Ma non preoccuparti: siamo qui per aiutarti a capire tutto.

Come diventare un freelance di successo

La vita del libero professionista è impegnativa, ma può essere molto gratificante e divertente.
Abbiamo creato questa guida per aiutarti a diventare un imprenditore di successo. Continua a leggere per scoprire tutto quello che c’è da sapere su come trovare lavoro, prezzi, gestione e costruzione di un’attività in proprio.

Cosa sta succedendo nel mondo freelance?

Lavorare in proprio sta diventando sempre più popolare come alternativa al lavoro dipendente tradizionale. I freelancer affermano di godere della flessibilità, preferiscono essere in grado di scegliere quanto lavorano e / o non vogliono essere legati a lavorare nello stesso posto a lungo termine.

Ma lavorare con i freelance conviene anche alle aziende.
La recessione iniziata nel 2008 ha costretto molte aziende a ridimensionarsi. Mentre non possono permettersi di assumere dipendenti a tempo pieno, hanno comunque bisogno di lavoratori per compiti regolari, periodici o occasionali. Assumendo i freelance, le aziende hanno accesso alle competenze di cui hanno bisogno senza dover assumere personale a tempo pieno e / o indeterminato.

Questa tendenza a ridurre il numero di dipendenti a tempo pieno ha lasciato molti lavoratori di talento senza un lavoro regolare. Il freelance, perciò, non solo offre loro la possibilità di svolgere il lavoro in cui eccellono, ma anche di lavorare in remoto per aziende lontane dalla propria ubicazione.

Perché è fantastico essere un libero professionista

Mettersi in proprio può significare condurre uno stile di vita molto attraente. Alcuni dei vantaggi includono:

  • Essere il capo di te stesso: scegli le tue ore e decidi quando lavorare e quando no.
  • Libertà di lavorare ovunque: quando sei un libero professionista, puoi lavorare da casa, dalla tua caffetteria locale o anche dalla spiaggia.
  • Possibilità di scegliere i tuoi progetti: mettersi in proprio significa poter scegliere quali progetti ti interessano e quali no. Puoi accettare i lavori che ti piacciono e saltare quelli che non ti piacciono.
  • Lavorare con le persone che ti piacciono: quando lavori in un ufficio, non puoi scegliere i tuoi colleghi o i tuoi superiori; come libero professionista, puoi licenziare i cattivi clienti e tenerti stretto a quelli per cui è un piacere lavorare.
  • Hai il vero senso del successo: quando sei un freelance, l’importo che guadagni è direttamente collegato a quanto bene lavori; non ti dovrai chiedere perché non hai ottenuto un aumento e non penserai che qualcun altro possa aver avuto il merito del tuo duro lavoro.

Detto questo, essere un libero professionista non è per tutti. Se vuoi essere un libero professionista di successo, hai bisogno di:

  • Autodisciplina: dovrai svolgere i tuoi compiti senza essere distratto dalla spiaggia, dal gioco o dalle serate con gli amici.
  • Buone capacità di comunicazione: sta a te sapere come chiedere più indicazioni quando non capisci le istruzioni; dovrai anche essere in grado di trattare con clienti difficili.
  • Saperti organizzare e gestire: come libero professionista, è necessario tenere tutti i documenti in ordine e rispettare le scadenze.
  • Coraggio di metterti in gioco: nessuno saprà che sei uno sviluppatore, uno scrittore o un designer di alto livello a meno che tu non promuova le tue capacità.
  • Operare in multitasking: la maggior parte dei freelancer si destreggia tra più progetti contemporaneamente, quindi dovrai dare la priorità alle tue attività ed essere in grado di passare da un argomento all’altro in un istante.

Il lato oscuro di essere un libero professionista

Anche se essere un libero professionista può portare flessibilità, controllo e un grande reddito, ci sono anche aspetti negativi.
Alcuni degli svantaggi del freelance includono:

  • Un reddito incerto che può variare da un mese all’altro.
  • Nessun giorno di ferie pagate, malattia o altri benefici.
  • Devi sempre essere reperibile.
  • Nessuna sicurezza sul lavoro; se il lavoro termina, non vi sarà alcuna indennità di licenziamento o TFR.
  • Come libero professionista, devi essere in grado di accettare e rispondere a feedback che non sono sempre positivi.
  • Non puoi avere difficoltà a comunicare: devi prendere l’iniziativa e contattare i clienti.
  • Devi auto-motivarti perchè sei l’unico responsabile del tuo programma di lavoro.
  • Ti deve piacere lavorare da solo: se hai bisogno del brusio di un ufficio affollato, ti annoierai presto di lavorare  da solo.
  • Non puoi essere in ansia a causa dell’incertezza di non sapere quando arriverà il prossimo stipendio: se un mese le cose non vanno come speravi, devi essere in grado di gestire la paura del lavoro autonomo.

Per questi motivi, mettersi in proprio non è per tutti.
Perciò guarda bene a te stesso prima di iniziare. Per alcune persone sarà molto difficile riuscire come libero professionista.

Una buona notizia

Essere un libero professionista non è una decisione tutto o niente.
Molti liberi professionisti iniziano facendo un lavoro freelance insieme a un lavoro part-time o a tempo pieno, per poi passare mettersi in proprio a tempo pieno.
Se per qualche ragione decidi che fare il libero professionista non è per te, non c’è vergogna nel tornare al mondo del lavoro regolare.

Quali competenze freelance sono maggiormente richieste?

Il freelance è aperto a tantissime competenze, ma alcune sono più richieste di altre.
Alcune delle competenze più richieste sono:

  • Gestione dei social media: questa è una competenza vitale per tutti i tipi di imprese in tutti i settori; mentre la tariffa oraria media è € 10, i freelancer di talento possono arrivare a guadagnare € 30 o più all’ora in questo campo.
    Gestire i social media significa gestire le pubbliche relazioni e l’immagine aziendale con tutto l’impatto che ne consegue.
  • Programmazione e sviluppo: programmazione e sviluppo è una scelta popolare per i liberi professionisti, e lo stipendio medio orario per i programmatori e gli sviluppatori è di € 20.
    Un web designer può arrivare a guadagnare 25 euro l’ora.
  • SEO, content writing e copywriting: la tariffa oraria media per scrittori di contenuti in tutto il mondo è di 10-15 euro l’ora. Ma gli scrittori esperti e di talento possono guadagnare molto di più.
    Un gradino più in alto vi sono gli esperti SEO, ovvero coloro che hanno il “potere” di lanciare un sito e renderlo popolare sul web.
  • Graphic design: i grafici di talento sono necessari per tutto, dalla progettazione del prodotto alla creazione del sito web. La paga oraria media per un designer è di 20 euro, ma il range è ampio: i grafici specializzati, che si avvalgono di tecnologie 3D possono percepire compensi più elevati.
  • Progettazione di app: è un passo avanti rispetto alla progettazione grafica o di un sito web e genera un guadagno medio di € 40 all’ora.
  • Consulenza aziendale: consiste nel consigliare imprese di ogni dimensione su ogni aspetto del miglioramento della propria attività; la tariffa oraria media di € 35.
  • Sicurezza dell’informazione: gli analisti in questo settore sono molto richiesti, considerato l’alto rischio di attacchi informatici; se sei un analista della sicurezza freelance puoi arrivare a guadagnare ben oltre 40 € l’ora.
  • Assistenti virtuali: man mano che gli uffici si ridimensionano, la domanda di assistenti remoti per gestire i compiti amministrativi standard è in aumento; gli assistenti virtuali percepiscono in media 11 € l’ora.
  • Contabilità: sia le piccole imprese che i freelance stessi hanno bisogno di altri liberi professionisti per gestire le loro esigenze fiscali e contabili; i ragionieri freelance possono guadagnare in media 15 € l’ora.
  • Fotografia e video editing: la domanda per questi lavori è cresciuta notevolmente in quanto le immagini di alta qualità sono diventate indispensabili per il marketing e per rendere un prodotto attraente e di successo. Le tariffe orarie medie per i fotografi professionisti partono da 50 € l’ora, ma, salendo di livello si può arrivare molto più in alto.

Quanto posso guadagnare come libero professionista?

Abbiamo visto che l’importo che si può guadagnare come freelance varia ampiamente.
Anche se l’ammontare del guadagno medio dei freelancer di tutto il mondo è sceso (anche se di poco) si è tuttavia registrato un enorme aumento di freelance da paesi come il Bangladesh e l’Ucraina, dove il costo della vita è molto basso.
Questi professionisti possono chiedere meno e comunque guadagnare molto al di sopra del reddito medio nazionale.
Ecco alcuni parametri che influiscono su quanto puoi guadagnare:

Posizione – La tariffa oraria media negli Stati Uniti è di $ 40,17, mentre un equivalente libero professionista nelle Filippine guadagna in media $ 11,72 l’ora.
Ciò è dovuto a tre  fattori:
– il prezzo che i datori di lavoro si aspettano di pagare;
– il tenore di vita locale;
– gli obblighi fiscali del Paese.

Esperienza – Più esperienza hai nel tuo campo, più puoi guadagnare. In media i compensi triplicano dopo dieci anni di esperienza.

Qualifiche – È interessante notare che i titoli di studio non sono così importanti nel mondo dei freelance.
Avere una laurea non necessariamente aumenta il tuo reddito. La tua esperienza e il tuo portfolio sono molto più importanti.
Ma se hai un dottorato di ricerca o un master, i tuoi guadagni aumentano di sicuro.

Settore. Il fattore principale che determina il guadagno è probabilmente il settore.
Abbiamo visto come un’assistente virtuale freelance guadagni molto meno di un graphic designar.

Evita questi errori

Non importa il tuo campo, ci sono alcune trappole comuni che attendono di rendere la vita difficile ai nuovi freelance. Se sei nuovo, non fare questi errori!

  1. Non accettare ogni progetto: scegli quelli che meglio si adattano alle tue capacità e ai tuoi interessi in modo da poter mostrare le tue abilità e presentarti come esperto in determinati progetti.
  2. Non quotare troppo in basso o troppo in alto: se ti svaluti, non sarai preso sul serio, e se chiedi troppo, i tuoi clienti si rivolgeranno a qualcuno che ha tariffe più ragionevoli.
    Trova il giusto equilibrio.
  3. Rimani in contatto con i  clienti per sapere se hanno altri lavori simili da fare o suggerisci loro un progetto connesso che potrebbe aiutare la loro attività.
  4. Ottieni sempre un contratto firmato: questa è la cosa più importante da fare prima di iniziare a lavorare su un progetto e dovrebbe specificare gli obblighi da entrambe le parti, incluso quando e quanto verrà pagato.
    Non c’è da essere imbarazzati, perchè avere un contratto firmato può farti risparmiare tempo e fastidi in futuro.
  5. Delega il lavoro amministrativo che richiede molto tempo: l’invio di fatture, la gestione degli obblighi fiscali e il mantenimento della contabilità sono importanti, ma ti fanno sprecare tempo prezioso che sottrai al tuo lavoro.
  6. Crea una routine: gestisci attentamente il tuo tempo e pianifica il lavoro in modo da essere il più produttivo possibile.
  7. Non arrenderti: il freelance può essere un duro lavoro all’inizio, ma non arrenderti. Come ogni altra cosa nella vita, diventa più facile una volta che hai un po ‘più di esperienza.

Fonte: www.websiteplanet.com

Guarda anche

Come mettersi in proprio: la guida definiva

Forse sei annoiato con il tuo lavoro di tutti i giorni e stai pensando di diventare un libero professionista; forse ...
Leggi Tutto

6 modi per fare soldi con un blog

E' possible guadagnare con un blog? Certamente sì, l'importante è cimentarsi in qualcosa che ci appassiona e farlo bene. Provo ...
Leggi Tutto

Come fare soldi su internet

Internet è ancora un posto dove fare soldi? Certamente sì. Sia che tu stia cercando di guadagnare qualche soldo veloce, ...
Leggi Tutto

Iscriviti a Wowapp: guadagni e fai del bene

Wowapp è la prima app che ti permette di guadagnare e fare del bene allo stesso tempo. Se non conosci ...
Leggi Tutto

WowApp: l’app che ti paga per chattare, giocare e navigare

WowApp è l'app che ti permette di guadagnare dalle attività di tutti i giorni e fare anche del bene. Cos'è ...
Leggi Tutto

Come fare soldi partendo da zero

Guadagnare soldi partendo da zero è il sogno di molti. Mettersi in proprio, sviluppare un'idea imprenditoriale, fare un po' di ...
Leggi Tutto

Come guadagnare a 15 anni. Idee per fare soldi

Vuoi guadagnare un po' di soldi e sei a corto di idee? Ecco alcuni semplici modi per far soldi, anche ...
Leggi Tutto

Raccolta fondi online o crowfunding: ecco come fare

Nell'era di internet anche le raccolte fondi viaggiano in rete. Ecco come crearne una online. Se ti dovesse capitare di ...
Leggi Tutto

Come creare un programma di affiliazione

Se hai prodotti o servizi da vendere, l'affiliazione commerciale potrebbe essere la strada vincente. Ecco perché. I programmi di affiliazione, ...
Leggi Tutto

Come allevare conigli

Ti piacciono i conigli? In questa guida ti darò tutte le indicazioni su come allevare conigli a terra. Innanzitutto diciamo ...
Leggi Tutto

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
, , ,

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami