Ananas rosso

Il genere è originario del Sud America. Fu portato nelle isole caraibiche dagli indi Caribi, ed a Guadalupa venne visto per la prima volta nel 1493 da Cristoforo Colombo anche se in realtà frutti somiglianti ad ananas appaiono in alcuni mosaici romani e in una statuetta, il che fa supporre che fossero già conosciuti nell’antichità.

Gli ananas sono frutti curiosi, perché tecnicamente sono infruttescenze. Le foglie coriacee sono lunghe, lanceolate e con un margine seghettato, e sono riunite in grandi rosette. L’infiorescenza fuoriesce dal centro della rosetta, i singoli fiori sono compatti su di uno stelo breve e robusto. Ogni fiore possiede un proprio sepalo; i sepali diventano carnosi e succosi e si sviluppano nel frutto, coronato da una rosetta di brattee. Una pianta di ananas produce un singolo frutto ogni 18 mesi.

Riproduzione

L’ananas non ha bisogno di impollinazione perché si formi il frutto.
La caratteristica di questo frutto è la polpa di colore giallo, rivestita da una scorza marrone, formata da placchette fuse tra loro. Il frutto contiene un enzima proteolitico: la bromelina, sostanza antinfiammatoria.
L’ananas contiene poche calorie (40 calorie ogni 100g).
Fonte Wikipedia

L’ananas rosso è una varietà commestibile.


0 0 vote
Article Rating
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
, , , , , ,
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments